Condividi

Col passare delle ore si fanno sempre più flebili le speranze di trovare il bimbo trascinato dall’onda di piena scatenatasi a San Pietro Lametino mentre era insieme alla madre, Stefania Signore

Lamezia Terme – Sono ancora senza esito le ricerche di Niccolò, il bambino di due anni disperso da giovedì nel nubifragio che ha provocato la morte della mamma, la 30enne Stefania signore, e del fratello di 7 anni tra San Pietro a Maida e San Pietro Lametino, nel Catanzarese.

Le ricerche, alla quale hanno preso parte anche decine di volontari, proseguite per tutta la notte, ma finora del piccolo non è stata trovata traccia.

Sul posto stanno operando anche i vigili del fuoco, che utilizzano mezzi di movimento terra per rimuovere l’ammasso di fango e detriti depositatosi sulle sponde del torrente in cui sono stati trovati i corpi della mamma e del figlio più grande.

Alle operazioni, coordinate dal posto di comando avanzato dei vigili del fuoco, partecipano anche il soccorso alpino, la guardia di finanza, la polizia e la protezione civile.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMigranti dalla Germania riportati in Italia, Salvini: "Chiuderemo gli aeroporti come i porti"
Prossimo articolo"La birra ha un effetto antidolorifico migliore del paracetamolo": la scoperta dei ricercatori