No Tav, nuove tensioni in Val Susa: scontri, feriti due poliziotti

Ancora tensioni in Valle di Susa tra forze dell’ordine e No Tav

Nuove tensioni in Val di Susa, dove le forze dell’ordine sono impegnate a liberare dalle barricate No Tav il sentiero gallo-romano, in prossimità del cantiere di Chiomonte.

La polizia ha effettuato cariche di alleggerimento nei confronti di un gruppo di manifestanti che si opponeva con la forza all’operazione, e due agenti sono rimasti feriti negli scontri. Con i No Tav ci sono anche numerosi militanti del centro sociale Askatasuna.

Nelle scorse ore un centinaio di manifestanti si è presentato in prossimità dei mulini della Clarea in due direzioni diverse per tentare di ripristinare le barricate rimosse dalla polizia, che è intervenuta col lancio di lacrimogeni.

I manifestanti sono poi tornati verso il campeggio di Giaglione. “Non lasceremo che i boschi vengano distrutti impunemente in nome della ‘ndranghetav”, scrivono su Twitter.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche