Condividi

Ferimento della piccola Noemi, adesso ci sono nomi e volti per il caso che ha sconvolto Napoli e l’Italia intera negli scorsi giorni.

Napoli – Una settimana dopo il terribile agguato che ha coinvolto anche la piccola noemi di quattro anni, le forze dell’ordine coordinate dalla procura sono arrivate a scovare due persone che, stando a quanto riportano i media locali, sarebbero direttamente responsabili (FOTO ANSA / Il Mattino / Newfotosud – Alessandro Garofalo)

La piccola noemi, ricordiamo, era stata colpita da un proiettile durante un agguato nella zona centrale della città, Piazza Nazionale, ai danni di un uomo pregiudicato, Salvatore Nurcaro, che versa in gravi condizioni all’ospedale.

L’uomo arrestato risponde al nome di Armando del Re: è lui la persona accusata di aver sparato, lo scorso venerdì, in Piazza Nazionale causando il gravissimo ferimento della piccola noemi di 4 anni, colpevole solo di trovarsi nel luogo sbagliato al momento sbagliato, assime alla sua nonna.

La conferenza stampa

L’uomo è stato individuato a Siena – Parallelamente è stato arrestato anche un secondo individuo, il fratello, accusato di aver ideato e partecipato all’evento ed aver offerto protezione al fratello. Il secondo arrestato, Antonio del Re, secondo Il Mattino, è stato individuato nella zona di Marigliano. Ai due uomini è stata contestata la premeditazione, poichè prima dell’evento, Nurcaro è stato pedinato a lungo.

I due arrestati sono originari dei Quartieri Spagnoli. Trattandosi presumibilmente di motivi legati a traffico di droga, il procuratore ha spiegato che il delitto è maturato in un pieno contesto camorristico. Al momento non sono battute altre ipotesi

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAppuntato dei Carabinieri si toglie la vita, lascia la moglie e due figli
Prossimo articoloAdolescenti distruggono 50 alveari: 500mila api morte al gelo: "danni inestimabili"