Condividi

“Non mi hai accettato l’amicizia su Fb”, e la prende a sprangate in faccia

“Colpevole” per non avergli accordato l’amicizia sul noto social network facebook.

E’ bastato non accettare l’amicizia su Facebook per scatenare la follia

Protagonista è un giovane di Pontecagnano, in provincia di Salerno, che evidentemente ubriaco,

dopo aver adocchiato la “preda” che si trovava in compagnia del fidanzato all’interno di un locale di via Italia, si è presentato con una spranga di ferro ed ha aggredito entrambi

Risultati immagini per facebook amicizia

I ragazzi sono finiti in pronto soccorso.

La situazione peggiore per la donna, sfigurata dalla spranga di ferro che l’ha colpita in pieno volto

ha riportato una lesione al labbro, la rottura dei denti e gravi contusioni: ne avrà per 40 giorni.

Meno gravi le lesioni inferte all’uomo che, colpito alla testa, è stato dimesso con una prognosi di 10 giorni.

Sul posto, allertati dagli avventori del pub, sono intervenuti i carabinieri che hanno raccolto la denuncia della coppia deferendo l’uomo, che intanto aveva fatto perdere le tracce, indagato ora per l’accusa di lesioni gravi.

“Sembra che a scatenare la folle rabbia dell’aggressore – si apprende dal quotidiano Leggo – un incensurato del posto, sia stato il rifiuto della ragazza ad accettare una sua richiesta di amicizia sul noto social network”

“Ad accendere la miccia è stato, però, anche un diverbio avuto dall’indagato con il gestore del locale: invitato ad uscire, l’uomo, è tornato poco dopo, con in mano una spranga di ferro”

“Ha intimato al gestore di uscire dal pub, lui non ha assecondato la richiesta. Ad uscire è stata la coppia aggredita con la spranga di ferro.”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCarcere di Poggioreale, detenuto aggredisce un agente della Polizia penitenziaria
Prossimo articoloRimane impigliato con la maglia, accade l'impensabile: bimbo muore a soli 3 anni