Condividi

È un lungo approfondimento a cura dello Studio Cataldi a fornire un utile vademecum per rintracciare eventuali errori formali e sostanziali nelle contravvenzioni elevate a nostro carico dalle forze dell’ordine. Il codice della strada, infatti, prevede una serie di regole rigide da rispettare, anche per quel che concerne le fasi di accertamento, comunicazione, notifica e via discorrendo. Si tratta di forme di tutela verso il trasgressore che, se non rispettate, possono portare all’annullamento della sanzione.

Insomma, se chi vi infligge una multa non rispetta le regole, allora non è necessario pagare la sanzione. E si può legittimamente fare ricorso, entro 60 giorni al Prefetto o entro 30 al Giudice di Pace. Vediamo alcuni casi particolari.

Contravvenzione incompleta, sanzione può non essere pagata
Uno dei vizi formali più comuni è rappresentato dall’assenza di dati necessari, come “le generalità del conducente, l’indicazione dell’agente che la ha elevata, il riferimento alla norma violata”. Il riferimento, spiega Valeria Zeppilli su Studio Cataldi, è l’articolo 383 del d.p.r. n. 495/1992, del regolamento attuativo del Codice della strada:

Tale norma stabilisce infatti che i verbali di accertamento delle infrazioni devono contenere l’indicazione del giorno, dell’ora e della località nei quali è avvenuta la violazione, delle generalità e della residenza del trasgressore ed eventualmente del proprietario del veicolo o del soggetto solidale.

In essi vanno inoltre indicati gli estremi della patente di guida, il tipo del veicolo e la targa.

Infine non vanno omesse la sommaria esposizione del fatto e l’indicazione della norma violata, oltre che le eventuali dichiarazioni delle quali il trasgressore chiede l’inserimento.

Tempi di notifica non rispettati

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePerché le tendine in aereo devono essere sempre aperte durante decollo e atterraggio? Ve lo spieghiamo
Prossimo articoloL'ASSURDO GESTO DEL BIMBO SUL VOLO RYANAIR: GENITORI FERMATI DALLA POLIZIA