Andrea Crisanti: “il nostro autunno sarà come nei mattatoi tedeschi”

“Dovremo aggredire sul nascere ogni singolo cluster. I contagi importati da Paesi in cui l’epidemia è fuori controllo sono molto pericolosi. Ne abbiamo avuto uno anche a Padova, una badante che ha infettato tutta la famiglia. E se non vengono individuati subito, l’Italia rischia di perdere tutto il lavoro fatto con il lockdown”

Sono le parole di Andrea Crisanti, direttore della Microbiologia e virologia dell’Università di Padova

“In questo momento la probabilità di infettarsi in Italia, specialmente in alcune regioni, è piuttosto bassa. Personalmente evito gli assembramenti ma vado al ristorante, ho smesso di portare la mascherina Ffp2 e sono passato a quella chirurgica. E un giorno spero di potermela levare del tutto”.

“Il nostro autunno sarà come i mattatoi tedeschi adesso, dove il virus anche ora sta facendo danni seri. Ci serva da lezione perché è quello che potrebbe succedere anche da noi in autunno e inverno”.

LEGGI ANCHE: Germania, altri 300 casi nel mattatoio: “enorme rischio pandemico”

“Non possiamo aspettarci che SarsCov2 sparisca come la Sars, nel giro di un’estate, perché ci sono milioni di contagiati in tutti e cinque i continenti, è soltanto diventato meno probabile infettarsi in Italia in questo preciso momento, per l’effetto positivo del lockdown, delle mascherine e della distanza” ha spiegato l’esperto al Fatto Quotidiano.

“I contagi importati da Paesi in cui l’epidemia è fuori controllo sono molto pericolosi. Dovremo aggredire sul nascere ogni singolo cluster perché se non vengono individuati subito, l’Italia rischia di perdere tutto il lavoro fatto con il lockdown” ha concluso l’esperto.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, più di 1.000 contagi in un mattatoio tedesco

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche