Condividi

Carabinieri: appuntato scelto del Nucleo Scorte si spara con l’arma di servizio

“App. Sc. Q.S. Pietro CAVALCANTE, 52enne, effettivo al Nucleo Scorte e Tutele della Capitale, si è suicidato con un colpo con la pistola d’ordinanza”

“Il militare aveva con sé l’arma, ancora impugnata. Il graduato, separato, lascia una figlia 26enne. Non sono stati trovati biglietti giustificativi del gesto nella stanza” Lo riporta il sito infodifesa

E’ una vera e propria ondata di suicidi quella tra le forze dell’ordine italiane

Solo negli ultimi mesi infatti, noi di sostenitori abbiamo già parlato di diversi casi

 

 

Tra cui pochi giorni fa quelli di un agente della Polizia penitenziaria in servizio a Tolmezzo e quello di un poliziotto penitenziario in servizio al Due Palazzi di Padova, un poliziotto penitenziario in servizio al carcere di Opera a Milano, un Carabiniere suicidatosi in caserma a Bologna

A Legnano, un Carabiniere in pensione in difficoltà economiche, un agente della polizia Locale di Bellaria Igea Marina, una Guardia Giurata a Genova, un Vigile del Fuoco a Biella

Il fenomeno è talmente complesso e diffuso, che persino la Polizia di Stato ha iniziato ufficialmente a riconoscerlo e discuterne.

E di Giugno infatti il primo convegno in assoluto organizzato da un’amministrazione delle Forze dell’Ordine, intitolato “Suicidio e Law Enforcement”.

Per l’occasione venne organizzato presso la Scuola superiore di Polizia a Roma vedendo partecipare anche il capo della Polizia Franco Gabrielli assieme al direttore Centrale di sanità Roberto Santorsa.

Il fatto che in media ogni anno si tolgano la vita circa 10 poliziotti – dato che rispetto ad altri corpi, sia in Italia che in altri Paesi, è tra i più bassi

 

 

ha spinto l’amministrazione ad occuparsi del tema anche con campagne rivolte al miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro degli agenti.

Pure la prevenzione rientra tra le iniziative intraprese per la tutela della salute non solo fisica ma anche psichica degli uomini e delle donne in divisa.

Il capo della Polizia Franco Gabrielli nel suo intervento affermò che “Il suicidio esiste in tutti i settori umani. Per trasparenza e chiarezza mettiamo sul tavolo e affrontiamo questi problemi per la cura e la protezione del nostro capitale umano, il personale. Questa è la nostra mission, rinnoviamo la giusta attenzione che già era stata data al problema, per prevenire”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"Mi vuoi sposare?" proposta di matrimonio in caserma, davanti ai colleghi durante la festa del corpo
Prossimo articoloUn'indagine sui mendicanti africani con il cappellino da baseball: ecco chi sono