Oliviero Toscani e la frase sul Morandi: “Frase uscita male, vorrei fare qualcosa per l’immagine di Genova”

Dopo il tragico “scivolone” sul ponte Morandi (“ma a chi interessa che caschi un ponte, smettiamola”) Oliviero Toscani si spiega, o ci prova, durante un’intervista su Elle in edicola il 20 febbraio.

Così torna a parlare dell’episodio e il conseguente licenziamento da parte dei Benetton: “una scelta che capisco. Mi dispiace perché eravamo tornati a fare belle cose insieme”

E poi sulla città colpita dal dramma: “Mi piacerebbe fare un intervento di immagine sulla città collegato all’architettura. Sto ragionando su qualcosa da stampare sul cemento”

Oliviero Toscani sulla frase choc sul Ponte Morandi

“Mi è uscita male, purtroppo. Non intendevo dire: chi se ne frega di un ponte che cade, ma chi ci guadagna. Nessuno. Né le vittime, naturalmente. Né i presunti colpevoli, come se potessero speculare su una cosa del genere. Un dramma di quella portata è una ferita non solo per Genova, ma per l’Italia. Tutti ci abbiamo perso qualcosa”.

Toscani entra nel merito anche del licenziamento da Benetton: “Una scelta che capisco. Mi dispiace perché eravamo tornati a fare belle cose insieme”

LEGGI ANCHE: Toscani sul Morandi: “A chi interessa se cade un ponte?”. Sgomento e dolore dei familiari delle vittime
LEGGI ANCHE: Benetton rescinde il contratto con Toscani dopo la frase choc sul crollo del Morandi