Condividi

Operazione “Crudelia: rivenduti a prezzo quintuplicato smantellato traffico di cuccioli . “Sono 237 esemplari di razze tra le più “trendy” del momento (soprattutto Bulldog francesi), di cui 174 cuccioli. E “Crudelia” era una donna di 29 anni nativa di Praga e residente a Reggio Emilia che, come unica occupazione, tirava insieme al padre e al marito le fila di un traffico illecito di cani tra la Slovacchia e il Nord Italia.

Ma il finale dell’operazione chiusa ieri dal gruppo forestale dei carabinieri reggiani, e ribattezzata appunto “Crudelia”, è come nel classico Disney “La carica dei 101″: gli animali sono stati tratti in salvo e per chi lucrava sul loro commercio – guadagnando fino a 500.000 euro all’anno – sono fioccate le denunce.” Così spiega l’operazione dei Carabinieri forestali un articolo di repubblica.it

I carabinieri forestali di Reggio Emilia hanno eseguito tre misure cautelari di divieto di dimora e di espatrio, nell’ambito di un’inchiesta con altri 11 indagati che ha scoperto una presunta associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di animali da compagnia, maltrattamento di animali, frode in commercio, falsità in atti e truffa. In corso anche perquisizioni e sequestri nelle province di Reggio Emilia, Piacenza, Ravenna, La Spezia, Grosseto, Bergamo e Monza.

I provvedimenti dell’operazione ‘Crudelia’, dal nome della cattiva del film ‘La Carica dei 101’ arrivano da un’indagine del 2017 a seguito di controlli su strada e sequestri di centinaia di cuccioli di cane di razze pregiate, introdotti illecitamente in Italia. I dettagli, in una conferenza stampa alle 11 nell’aula informatica della stazione carabinieri forestali di Reggio Emilia.

 

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"Il piano anti degrado di Salvini: zone rosse per balordi e pusher" E i prefetti potranno emettere il daspo urbano
Prossimo articoloLa vita da ricchi di tre profughi accolti in coop e parrocchia: avevano organizzato una piazza di spaccio

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.