Condividi

WhatsApp-VirusBen 1773 morti nel 1971. ‘Solo’ 243 nel 2014. Il numero degli incidenti stradali letali in Svizzera cala costantemente, così come quello dei feriti gravi sulle strade (poco più di 4.000 sull’arco dei 12 mesi). Ma le cifre indicano anche che nello stesso anno su suolo nazionale sono state ritirate 10.589 patenti per l’uso del cellulare al volante e per avere causato di conseguenza un serio pericolo. «Con l’arrivo di applicazioni come WhatsApp e Facebook – evidenzia Alvaro Franchini, aiutante capo della polizia stradale – il rischio di distrazione è cresciuto in maniera esponenziale».

Il boom dello Smartphone – Stando ai dati dell’Ufficio federale delle strade (USTRA) la percentuale di automobilisti svizzeri che usa il telefonino in movimento supera il 40%. «Gli esperti di telefonia – riprende Franchini – dicono che il momento di punta per l’uso del cellulare è alla chiusura degli uffici. Considerando che parecchie persone si spostano in macchina non è un’informazione confortante».

La punta dell’iceberg – Ma le statistiche spiegano la situazione solo fino a un certo punto. «Quella che noi vediamo – sottolinea Franchini – è solo la punta dell’iceberg. Da 4 o 5 anni la principale causa d’incidente è la distrazione. E il cellulare è al primo posto tra i fattori scatenanti. Il problema è che prima magari si telefonava e si mandava qualche sms. Ora invece le modalità di comunicazione offerte dal telefonino sono decuplicate».

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMorto Paul Kantner, co-fondatore dei Jefferson Airplane ed eroe di Woodstock
Prossimo articoloIl messaggio di IKEA sulle unioni civili