Ristorante ospitò i Carabinieri che cercavano Igor il Russo: lo Stato non ha pagato

Per mesi ha dato da mangiare sia a pranzo che a cena ai carabinieri impegnati sul territorio a dare la caccia a Norbert Feher, noto come Igor il Russo. Pasti per un totale di più di 20mila euro che però lo Stato non ha ancora provveduto a saldare.

“A dicembre ci hanno dato i codici per emettere la fattura ed entro 60 giorni dovevano fare il bonifico, ma da allora non abbiamo visto nemmeno un euro”, ha detto Roxana Genunche, titolare della taverna “Il Marchese” di Molinella, in provincia di Bologna. Lo spiacevole episodio è riportato dal tgcom24

“All’inizio abbiamo chiesto i soldi ai carabinieri di Molinella, ma loro ci hanno detto che non era di loro competenza e che dovevamo rivolgerci alla Provincia di Bologna”, ha detto la Genunche.

La donna da maggio a giugno dello scorso anno ha ospitato i battaglioni dei carabinieri del Tuscania e i cacciatori di Calabria garantendo loro due pasti al giorno.

Lo Stato però non le ha ancora versato i soldi per saldare il conto.

 

Risultati immagini per carabinieri igor il russo

 

Ma gli strascichi per i crimini di Igor il Russo non sono finiti qui. Tra il Comune di Budrio e il Comitato degli amici di Davide Fabbri, prima vittima del killer serbo, è in corso una battaglia legale: il Comune deve ancora dare 2mila euro per la serata di beneficenza organizzata dallo stesso Comitato il 28 aprile scorso.

I soldi erano destinati ai figli delle vittime spagnole di Igor.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche