Condividi

A Sunderland, nel Regno Unito, una madre ha fatto una pessima sorpresa all’interno dell’ovetto Kinder che aveva comprato per la sua bambina, Isabelle. Vikki Maguire-Grant ha voluto condividere con tutti, tramite il suo profilo Facebook, la foto dell’ovetto: al suo interno c’era conficcato un ago. “Ho il voltastomaco. Ero seduta ad aprire l’ovetto preferito di Isabelle e ho trovato quest’ago all’interno. La cosa spaventosa è che le ho lasciato mordere un pezzo della parte esterna. Ho chiamato il supermercato e ho spedito l’ovetto per capire come sia potuto finire lì dentro un ago. Spero sia solo un difetto di fabbricazione isolato e non che qualche malato di mente se la voglia prendere con i bambini. Per favore, controllate tutti i vostri ovetti”, ha scritto la signora.

“Questo post – ha continuato nel post – è per allertare le persone a controllare uova e ovetti di Pasqua per la sicurezza dei loro figli. I commenti negativi o inappropriati saranno cancellati e gli idioti bloccati. Lasciamo che siano i professionisti a svolgere le ricerche”. Vikki ha portato l’ovetto al supermercato della catena Asda, che lo ha poi inviato alla Ferrero per effettuare i vari controlli in laboratorio. La divisione britannica della Ferrero ha dichiarato: “Abbiamo saputo di un caso isolato di una cliente che ha trovato all’interno di un nostro prodotto un corpo estraneo. Il prodotto, che attualmente si trova presso la sede di Asda a Leeds, è già richiesto per poter poi avviare un’indagine. Vorremmo rassicurare tutti i nostri clienti che le nostre principali garanzie sono la qualità e la sicurezza dei nostri prodotti”.

 

Sunderland, una mamma trova un ago nell'ovetto Kinder comprato per la figlia

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteVittorio Feltri, gli immigrati? Lasciamo che a salvarli siano i ricchi
Prossimo articoloCasta, arriva il sottosegretario allo Spazio: la poltrona più ridicola di tutte