Condividi

Lahore (AsiaNews) – Amir Masih, un cristiano di 25 anni, è morto mentre era sotto custodia della polizia a causa delle torture subite dagli agenti per quattro giorni. Il suo decesso è avvenuto il 2 settembre scorso a Lahore. Egli era stato chiamato in questura per rispondere di un’accusa di furto.

Da quella stazione è uscito agonizzante ed è morto in ospedale. La famiglia è disperata e la moglie minaccia di togliersi la vita insieme ai due figli se non sarà fatta giustizia. Ad AsiaNews Rojar Noor Alam, attivista, dichiara: “L’omicidio di Amir mentre era detenuto nelle mani della polizia, non è solo un grave crimine, ma una grave violazione della Costituzione”.

Il cristiano era diventato padre per la seconda volta otto giorni prima del decesso. Amir Masih lavorava come giardiniere nella casa di un proprietario terriero musulmano, a PF Colony (Lahore). La moglie Salma Bibi, casalinga, racconta che il marito era una persona “davvero gentile e laboriosa. Guadagnava 22mila rupie (128 euro) al mese e stava mettendo da parte i soldi necessari per mandare i nostri figli a scuola. I poliziotti crudeli hanno strappato via la sua vita senza motivo”.

Il 28 agosto scorso il cristiano è stato convocato dal vice ispettore Zeshan della stazione di polizia di Shamali per difendersi da un’accusa di furto presentata contro di lui. Non vedendolo rincasare, i familiari si sono allarmati e hanno iniziato le ricerche. Si sono recati in caserma, ma gli agenti hanno riferito che Amir non era con loro. Il 31 agosto la famiglia ha sporto denuncia per sparizione. Il 2 settembre il vice ispettore ha chiamato Munir Bhatti, cognato della vittima, per dirgli di andare a riprendere il familiare, scagionato da ogni accusa.

Arrivati alla stazione, i parenti hanno trovato Amir in condizioni critiche e lo hanno trasportato al Services Hospital di Lahore. Qui è deceduto dopo qualche ora.

Le indagini post-mortem hanno rivelato che l’uomo è morto per le torture subite. Il rapporto evidenzia lividi su gambe, braccia e schiena; le costole sono fratturate a causa di colpi inferti da bastoni di ferro.

Al momento è stata presentata una denuncia contro il vice ispettore Zeshan e quattro poliziotti.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteRubano un tricolore agli Alpini e lo bruciano. Individuati dai Carabinieri confessano "agito per noia"
Prossimo articoloNiente educazione civica a scuola, bocciata la sperimentazione: "espresso parere negativo"

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.