Palermo, allo Zen la statua si inchina di fronte alla stazione dei Carabinieri

L’associazione Padre Pio, organizzatore della processione, ha voluto dare un forte messaggio di legalità nel quartiere. E nel rispetto delle regole: gli organizzatori e i fedeli hanno rispettato anche il divieto della questura di non sparare i fuochi di artificio. “Un gesto semplice – commenta Arturo Guarino comandante provinciale dei carabinieri di Palermo – ma profondo per una comunità, per un quartiere delicato che vuole sottolineare un’inversione culturale. Per i Carabinieri, da sempre vicini alla gente comune, un seme che sta germogliando”.

“L’inchino di una processione religiosa alla caserma dei carabinieri nel quartiere Zen – commenta il sindaco di Palermo Leoluca Orlando – è un fatto che stupisce solo chi non ha colto, o fa finta di non avere colto, il grande cambiamento culturale avvenuto e tutt’ora in corso a Palermo. Quando pochi giorni fa, nel consegnare la cittadinanza onoraria al Colonnello Antonio Di Stasio, ex comandante provinciale dell’Arma, lo stesso ha rivolto il suo saluto ai tanti alunni delle scuole dello Zen presenti. Il gesto era passato quasi inosservato, ma era segno di un cambiamento profondo, radicale e radicato che ha attraversato il quartiere e la città”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche