Paolo, 21enne malato di Sla, diventa pilota: guiderà un drone con gli occhi

Da qualche ora Paolo Palumbo non è più solo il malato di Sla più giovane d’Europa, ma anche il primo pilota al mondo in grado di far volare un drone muovendo semplicemente i suoi occhi. Lo chef sardo, 21 anni e da tempo affetto da sclerosi laterale amiotrofica, che non gli permettere di muoversi e di parlare se non tramite un comunicatore oculare, è stato, infatti, scelto per un progetto sperimentale che consentirà di guidare un drone o un altro velivolo proprio attraverso un puntatore oculare modificato. In questo modo, potrà gestire le manovre del dispositivo esclusivamente puntando lo sguardo sullo schermo di un computer. Il software in questione è stato ideato e coordinato dalla società 3D Aerospazio, socia del Distretto aerospaziale sardo.



Potrebbero interessarti anche