Villaggio, il ricordo dell’amico Banfi: «Ora l’avventura comincia ad essere dura anche per me»

«Addio a Paolo Villaggio e ai suoi personaggi, maschere amare di un certo costume italiano entrato nel nostro lessico e nella nostra memoria» ha scritto su Twitter la presidente della Camera Laura Boldrini. Matteo Renzi ha affidato a Facebook il ricordo dell’attore: «Alzi la mano chi non ha mai riso, sofferto, pensato davanti a un suo personaggio, davanti a una delle sue battute o dei suoi personaggi. Nessuno, non alza la mano nessuno.

Perché Paolo Villaggio è stato capace di questo: portare il proprio talento in casa di tutti gli italiani, anche di quelli che non lo amavano troppo. Questo significa secondo me essere un artista straordinario e per questo, quando sei ai titoli di coda, puoi solo dire grazie, senza retorica».

«Villaggio era un genio: ha inventato un linguaggio e un mondo dove il comico e il tragico convivono indistinguibili come nella vita» ha scritto Fabio Fazio, mentre Luciana Littizzetto ha postato un messaggio rivolto proprio all’attore scomparso: «Però potevi stare con noi ancora un po’… mannaggia a te… mi hai fatto tanto ridere sai? Grazie». Leonardo Pieraccioni scrive su Twitter: «Non c’è più il grande Villaggio. Fantozzi vive invece sempre un pochino in tutti noi».