Condividi

Ha letteralmente buttato dalle scale la sua bimba di appena sei anni in preda, pare, ad un attacco d’ira, secondo quanto riportato dai media,
causato dai capricci della bambina. E successo fuori da un suoermercato ed alcune immagini sono state diffuse dai media locali e riprese da diversi giornali internazionali. L’uomo, chiamato solo Artem, papà ucraino 46enne, è stato interrogato dalla polizia dopo che il personale del supermercato ha pubblicato le immagini della CCTV dell’incidente su Facebook , provocando indignazione. L’uomo è stato arrestato dopo che anche diverse persone che hanno assistito alla scena hanno testimoniato contro di lui e hanno aiutato la polizia ad identificarlo.

Come riporta il quotidiano Leggo.it in un articolo di Alessia Strinati, la bambina è stata lasciata in strada sdraiata per alcuni secondi, poi si è alzata da sola ed è tornata dentro a raggiungere il padre e il fratello. “Artem, dopo essere stato identificato e arrestato ha provato a difendersi dicendo che la sua unica intenzione era di metterla da parte, ma la bambina avrebbe alzato il braccio e urtandola l’avrebbe fatta accidentalmente scivolare.

La moglie ha provato a difendere il marito, appellandolo come buon padre e dicendo che era stata ricoverata in ospedale e per una settimana aveva dovuto badare da solo a 4 bambini piccoli, così potrebbe aver preso la pazienza. L’uomo ora dovrà subire un processo, mentre la famiglia sarà monitorata dai servizi sociali nell’interesse della bambina e dei suoi fratelli.”

GUARDA IL VIDEO

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteTorino, ha confessato il killer che ha sgozzato Stefano Leo: "ucciso per caso e senza movente"
Prossimo articoloDa sei anni porta tutti i giorni il compagno disabile a scuola sulle spalle: la storia di un'amicizia vera

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.