Condividi

Nel tentativo di difendere il proprio esercizio commerciale da un assalto, ha sparato ai malviventi. Nel fare ciò, ne ha colpito e ucciso uno.

Ivrea – Il malvivente morto è un uomo di origine moldava. L’episodio si è verificato nella notte, attorno alle 3 a Pavone Canavese, ad Ivrea in Piemonte.

Una banda di tre persone ha tentato l’assalto in una tabaccheria ed il proprietario, che si è reso conto di quanto stava accadendo da alcuni forti rumore (abita sopra il locale), uscito con pistola in pugno e ha sparato alcuni colpi.

Il tabaccaio è stato sentito in procura nelle prime ore del mattino ed ora emerge che sarebbe indagato per eccesso colposo di legittima difesa. Appena resa nota la notizia, il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha espresso la propria solidarietà, coem già accaduto in passato con episodi simili.

Si sta valutando se l’uomo possa beneficiare della nuova legge sulla legittima difesa.

Queste le parole del ministro Matteo Salvini “Totale solidarietà al tabaccaio, che spero possa fruire della nuova legge che garantisce la legittima difesa a tutti”

LEGGI ANCHE: Colpo finisce nel sangue: tabaccaio uccide un ladro, in fuga due complici

“quello che so” ha proseguito “è che si tratta di un commerciante 67enne incensurato, persona perbene, che deteneva legalmente un’arma, che è stato vittima di 5, 6, 7, 8 precedenti furti e rapine, che stanotte si è svegliato, si è ritenuto in difficoltà, aggredito, ha sparato. Purtroppo qualcuno è morto: però se invece di fare il rapinatore questa persona avesse fatto un mestiere onesto, oggi staremmo parlando di altro”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCamion su un'auto, morte tre donne. Veronica, Otilia e Zainab: tutta la vita davanti. Andavano in vacanza, in autostrada hanno perso la vita
Prossimo articoloTerremoto in Toscana, trema la Versilia. Allerta tra Forte dei Marmi, Viareggio, Pisa e La Spezia