Romania. Paziente va a fuoco in sala operatoria: 66enne muore dopo una settimana d’agonia

Ha preso fuoco in ospedale durante un’operazione chirurgica e dopo giorni di agonia è morta. E’ stata questa la triste fine di una donna di 66anni, sotto i ferri per combattere per la vita, l’ha invece persa.

ROMANIA – La vicenda è raccontata dal Guardian ed è accaduta in Romania. Un nuovo smacco per il sistema sanitario locale già protagonista di scandali.

L’accaduto risale a domenica 22 dicembre, la vittima si trovava in sala operatoria per essere operata al pancreas, per un tumore.

Prima disinfettata con una soluzione a base di alcol, poi hanno usato un bisturi elettrico per l’operazione chirurgica. Le fiamme sarebbero scaturite allora.

Deceduta nella giornata di ieri, la paziente presentava bruciature su oltre il 40% del suo corpo.

A parlare della vicenda Emanuel Ungureanu, un deputato del Parlamento della Romania “Porgo le mie più sentite condoglianze alla famiglia e dico pubblicamente che combatterò per scoprire la verità e punire i responsabili! La verità verrà fuori, userò tutto il potere conferitomi dai cittadini affinché i pazienti in Romania siano trattati con rispetto, insieme ai medici che fanno il loro dovere! La paziente è stata avvolta dalle fiamme come una torcia per pochi secondi prima che un’infermiera le lanciasse una ciotola d’acqua sul tavolo operatorio”.