Condividi

“Denunciata per furto una pensionata di 80 anni per aver rubato un pezzo di formaggio dagli scaffali del market” è questo l’incipit di un articolo pubblicato dal quotidiano ONLINE Leggo (che trovate QUI) e il Gazzettino – e che riproponiamo anche noi, assieme alla risposta del supermercato coinvolto che in queste ore si è visto letteralmente inondato di messaggi

“Un’incredibile vicenda quella accaduta ieri, dove una donna bellunese è stata portata in Questura dalla pattuglia delle Volanti della polizia. Accompagnata come un criminale qualunque e denunciata. Certo – fa presente il quotidiano Leggo che racconta l’episodio – gli agenti delle Volanti avrebbero preferito pagare la merce per la donna e chiudere il caso senza denuncia”

“Ma la politica del supermercato è quella di sporgere sempre querela nei confronti di chi ruba. Un ragionamento che non fa una piega, ma che ieri si è scontrato con un’eccezione non da poco. La nonnina, come racconta Il Gazzettino, ha ammesso di aver preso il pezzo di formaggio raccontando però anche che con la pensione fatica ad arrivare a fine mese. Ciò nonostante, ai poliziotti non è rimasto altro che denunciarla per furto”

Celere però è la risposta del supermercato in questione di cui omettiamo il nome per non contribuire all’eventuale scatenarsi di hatersOggi sul Gazzettino di **** è uscito un articolo riguardo alla denuncia da parte nostra di un furto avvenuto nel supermercato di ***. L’articolo ha destato indignazione e commenti pesanti: nel testo si sottolineava una linea dura verso una persona debole e bisognosa. Vorremmo chiarire con onestà e calma che le cose non sono così e rassicurare tutti che ci teniamo a sistemare la situazione.
Non possiamo in questo contesto entrare nel dettaglio della faccenda, per una questione di privacy. Possiamo solo dire che in questo caso sembra che la persona non sia indigente. 
Ecco come dobbiamo agire in questi casi: la nostra prassi è quella di denunciare il furto, perché è giusto tutelare il nostro lavoro ed è necessario dare delle linee direttive ai nostri dipendenti. In un secondo momento in base alle reali situazioni o alla presenza di difficoltà le denunce vengono ritirate. 
Ci dispiace che si sia creata questa incomprensione, crediamo di aver agito nel modo corretto anche nel rispetto di chi lavora per noi e di tutti i nostri clienti.”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteErano il terrore delle ville: presi i rapinatori, tutti stranieri tra i 20 e i 30 anni
Prossimo articolo"Va a rubare incinta di 4 mesi, nello zaino pistola e bottino da 9mila euro"

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.