Condividi

Il compito di istruire gli agenti, affinché possano imparare a riconoscere fra i detenuti atteggiamenti di proselitismo e radicalizzazione, è stato affidato all’ex vice presidente nazionale dell’Ucoii, l’Unione delle comunità islamiche in Italia, Youssef Sbai. Musulmano di origine marocchina. È così che lo Stato cerca di intercettare e stroncare ogni forma di proselitismo che avviene, molto spesso, nelle carceri. Ma basterà?

Roma, 1 febbraio 2017
fonte ilGiornale

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteIl superconsulente di Trump accusa la Merkel: "Usa l'euro debole contro di noi"
Prossimo articoloCHIESA: ABBIAMO SCOPERTO CHE E' A PALERMO IL LABORATORIO SEGRETO DI BERGOGLIO PER LA COMUNIONE AI DIVORZIATI!