Condividi

carabinieri
Arrestato dai carabinieri P. V., trentenne sambenedettese, per estorsione, violenza e minacce nei confronti dei i genitori. Lunedì sera il trentenne ha telefonato al padre che lo ha raggiunto in auto. Il giovane, non appena lo ha visto si è avvicinato all’auto sferrando un pugno al finestrino lato guida che è finito in frantumi. Alcune scheggie hanno raggiunto al volto il padre ferendolo. P. V., rivolto al genitore lo ha minacciato: “Dammi i soldi altrimenti ti ammazzo, te la faccio pagare, devi darmi i soldi”. Il tentativo di estorsione, comunque, è andato a vuoto per cui il trentenne si è allontanato dirigendosi con la propria autovettura verso Grottammare. E’ stato però raggiunto, dopo un breve inseguimento, da una pattuglia motorizzata dei carabinieri i quali hanno proceduto a fermarlo. A questo punto, però, P. V. ha commesso il secondo errore: ha offeso i carabinieri spintonando uno di loro. Immediatamente è stato immobilizzato ed ammanettato.

3 settembre 2015

fonte Corriere Adriatico

AP

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteIn Onda, le confessioni di Paolo Villaggio e il suo Fantozzi
Prossimo articoloL'ultima telefonata: «Siamo in pericolo di vita, voglio morire»