Condividi

Gli agenti della Polizia di Stato di Lucca hanno impedito una violenza sessuale e sottratto la vittima di 33 anni alla furia di un ragazzo, 20 anni appena. L’orrendo episodio è successo nelle scorse ore sulle mura di Lucca.

I due, entrambi nigeriani richiedenti asilo si sarebbero incontrati fuori dalla questura dove la ragazza si era recata per ritirare il proprio permesso di soggiorno. L’aggressore era ospite di un centro di accoglienza in Garfagnana, sulle Alpi Apuane. Il giovane, derubando la vittima del permesso, avrebbe tentato di ricattarla al fine di ottenere un rapporto sessuale.

Leggi anche:  Sisma magnitudo 3.6 avvertito in Toscana

All’ennesimo rifiuto è scattata la violenza. Le grida hanno allertato alcuni passanti che hanno chiamato immediatamente i poliziotti che hanno sottratto la 33enne alla furia del suo aguzzino. L’aggressore è quindi stato arrestato per estorsione, tentata violenza sessuale e lesioni personali e condotto in carcere in attesa di processo e presumibilmente espulsione

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteLa strage silenziosa continua nel silenzio dei media: un altro poliziotto si è suicidato poche ore fa
Prossimo articolo"La gendarmeria del Vaticano allontana i clochard"

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.