Condividi

La squadra mobile di Perugia ha arrestato due minorenni, autori di gravi atti di bullismo a carico di un proprio coetaneo.

I due bulli avevano preso di mira un compagno di classe sottoponendolo a sistematiche violenze psicologiche e fisiche, consistenti in offese, ingiurie, percosse, pugni alla schiena, sino ad arrivare a spegnere sigarette sul collo della vittima, la cui vita si era trasformata in un incubo.

Il ragazzo aveva ricorrenti crisi di pianto e si è trovato costretto a cambiare abitudini, rinunciando a muoversi tra gli stessi padiglioni della scuola ed evitando addirittura di andare in bagno per il terrore di incontrare i bulli.

Gli attacchi avvenivano dentro e fuori le mura di una scuola di Perugia. In base a quanto riferito dalla polizia, la vita del ragazzo si era trasformata in un “vero e proprio incubo”.

La situazione ha innescato la reazione dei compagni di classe, che tutti insieme hanno sottoscritto un esposto inviandolo alla Direzione scolastica, che lo ha trasmesso alla Questura di Perugia.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteRagazzi Down insultati "Cenare con loro fa venire la nausea". Accolti e consolati dai Carabinieri
Prossimo articoloKazakistan. Schianto aereo durante il decollo, almeno 12 morti. Recuperato un neonato vivo tra le lamiere del velivolo

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.