Pino Daniele,l’autopsia in corso a Napoli.

Pino Daniele,l'autopsia in corso a Napoli.
8 Gennaio 2015 – E’ cominciato nell’obitorio dell’Istituto di medicina legale del Policlinico di Napoli l’autopsia sulla salma di Pino Daniele. L’esame viene eseguito dai consulenti incaricati dai pm di Roma che hanno avviato un’inchiesta per l’ipotesi di omicidio colposo. All’autopsia – a quanto si è appreso – partecipano anche consulenti della moglie di Pino Daniele Fabiola Sciabbarasi. A quanto risulta, non vi sono consulenti di persone eventualmente indagate, a conferma che allo stato l’inchiesta è contro ignoti

“Mi raccomando, state uniti. E’ il più bel regalo che potete fare a Pino, altrimenti avrà fallito come padre e come uomo”: è padre Renzo Campetella, francescano, a cercare di ricomporre la famiglia intorno alla bara di Pino Daniele, durante l’omelia del primo dei due funerali, a Roma, nel santuario del Divino Amore. Poi il trasferimento del feretro per l’ultimo saluto nella sua Napoli, con 100.000 persone in piazza del Plebiscito.

Fiumi di inchiostro in questi giorni hanno raccontato ‘le famiglie’ dell’artista napoletano: i due figli avuti dalla prima moglie Dorina Giangrande, la seconda consorte Fabiola Sciabbarrasi e i suoi tre figli più piccoli e Amanda Bonini, la compagna, l’ultima persona ad avere visto Pino Daniele in vita, nella notte in cui il suo cuore si fermò durante la folle corsa dalla Maremma all’ospedale Sant’Eugenio di Roma.

E’ proprio su quelle ultime ore che ora indaga la procura della capitale per omicidio colposo, con la collaborazione della procura di Grosseto che ha fatto verifiche sulla chiamata al 118 e accertato che la corsa in auto verso Roma è durata meno di un’ora. E’ stata disposta anche l’autopsia che si farà nelle prossime ore a Napoli. Una cosa molto singolare, visto che richiederà la riapertura della bara di Pino Daniele subito dopo i funerali.

“La ‘signora’, che era sola in macchina con lui e guidava, dica tutto quello che sa. Voglio la verità sulla morte di mio marito per i miei figli e per gli altri suoi figli”: dice all’ANSA, addolorata ma determinata, Fabiola. “Non volevo l’autopsia per evitare un ulteriore oltraggio a Pino”, spiega, ma ben venga se “necessaria per stabilire che cosa è successo”. Amanda, l’altra donna, ha il viso teso, addolorato e stanco. Entra in chiesa un passo dietro a Fabiola, si siede su un altro banco, in prima fila, accanto al figlio più grande di Pino, Alessandro, e a sua moglie. Le due donne non si rivolgono la parola, neanche in sacrestia al termine della messa. Lasciando il santuario, Amanda, le cui rose rosse spiccano in mezzo ai fiori bianchi dei figli sulla bara nel carro funebre, si limita a dire: “E’ stato un grande amore”, una relazione importante, “durata un paio di anni”.

E’ uno strano destino quello che accomuna molti grandi artisti, con una scia di incomprensioni, problemi familiari o guerre di eredità dopo la morte. E’ successo a tanti, da Luciano Pavarotti ad Alberto Sordi, fino al caso limite di Lucio Dalla.

Dopo la polemica sui funerali e la disputa tra Roma e Napoli, Pino viene salutato prima nella città di adozione e poi in quella di origine da amici, parenti, conoscenti e migliaia di fan. Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, parla di “una macchina organizzativa senza precedenti” per l’occasione, paragonata all’imponente addio al principe della risata, Totò.

Un fiume di colleghi stretti intorno alla sua anima blues a Roma: in mezzo a bandiere, striscioni e cori, sfilano Renato Zero, Antonello Venditti, Jovanotti con la moglie, Eros Ramazzotti con la figlia Aurora (amica del cuore di Sara, la figlia 18enne di Pino Daniele), Biagio Antonacci con il fratello Graziano, Giuliano Sangiorgi, Marco Mengoni, Fiorella Mannoia, Irene Grandi, Francesco Renga, Umberto Tozzi, Mario Biondi, Stefano Di Battista con la moglie Nicky Nicolai, Fabrizio Frizzi e i napoletani Tullio De Piscopo, James Senese, Tony Esposito, Nino D’Angelo, Gigi D’Alessio, Enzo Gragnaniello, Joe Amoruso, Enzo Avitabile, Serena Autieri, Fabio Fulco con la fidanzata Cristina Chiabotto, fino ai giovani Clementino e Rocco Hunt. A Napoli, nei funerali ‘del popolo’, si aggiunge l’omaggio di Liliana De Curtis, figlia di Toto’, Alessandro Siani, Maria Nazionale, Francesco Paolantoni e tanti altri.

In ogni angolo l’emozione e la commozione sono autentiche. L’ultimo saluto a Pino, dopo la messa, è il momento più straziante, ma anche il più bello: a Piazza del Plebiscito partono le note di ‘Napule è’ con la sua voce. Scende il silenzio che copre chiacchiericcio, gossip e polemiche, ‘miserie umane’, direbbe qualcuno, che certamente non riecheggiano in quel ‘paradiso, che forse esiste’ che nella notte di Capodanno ha cantato per l’ultima volta e che oggi suona come un presagio.

(fonte ANSA)

A.P.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche