Condividi

§Il 15 novembre è sscattato l’obbligo dei pneumatici invernali, in gergo spesso chiamati ‘gomme termiche’. A termine di legge, la Direttiva del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 16 gennaio 2013 prevede che l’Ente proprietario o gestore della strada, possa “prescrivere che i veicoli siano muniti ovvero abbiano a bordo mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve e su ghiaccio”.

La Direttiva si applica, a cura degli enti gestori della strada, fuori dai centri abitati, prevedendo un periodo uniforme su tutto il territorio nazionale compreso tra il 15 novembre e il 15 aprile. E’ consentita una estensione temporale del periodo di vigenza per strade o tratti che presentino condizioni climatiche particolari come ad esempio le strade di montagna. Tutte le spiegazioni utili ce le fornisce un articolo di Repubblica.it

LE SIGLE PER CAPIRE I PNEUMATICI – Le gomme invernali sono contraddistinte dalla sigla sul fianco M+S (oppure “MS”, “M/S”, “M-S”, “M&S”, è lo stesso. Significa mud & snow ovvero fango e neve). La stessa sigla può comparire anche sui cosiddetti pneumatici quattro stagioni e sulle gomme per fuoristrada che possono così essere tenute per tutto l’anno, con la consapevolezza però di avere pneumatici “da compromesso”, che non sono eccellenti né con il freddo, la neve o d’estate.
Oltre alla sigla M+S si può avere anche il simbolo del fiocco di neve: non è richiesto dalla legge, ma significa che la gomma va bene, anzi benissimo anche con la neve. E c’è un’enorme differenza: la sigla MS è frutto di un’auto certificazione del costruttore (sul fatto che il pneumatico va bene in condizioni di freddo o neve), l’altra è invece una certificazione di un ente terzo che fa test e conferma la bontà delle prestazioni in inverno.

Leggi anche:  Furbetto del Telepass si accoda al casello, adesso pagherà una maximulta

LE CATENE – Devono essere a bordo e basta. Ma se nel tratto percorso esiste l’obbligo del montaggio vanno messe per forza. Per poter essere utilizzati in alternativa agli pneumatici invernali, le catene o gli altri dispositivi antisdrucciolo devono essere omologati secondo la norma nazionale UNI 11313 oppure quella austriaca Önorm V5117. Inoltre, devono essere della misura corretta per le gomme della vettura e, in caso di nevicate, vanno obbligatoriamente montati almeno sulle ruote motrici. “Ricordiamo – spiegano all’Asaps, associazione amici polizia sttradale – che le catene al seguito nel periodo invernale possono sostituire gli pneumatici da neve e comunque possono essere anche montate sui winter nel caso di particolari difficoltà specie su strade di alta montagna”

Leggi anche:  Parcheggiatori abusivi, svolta nel Decreto Sicurezza: ora possono finire in carcere

LE SANZIONI – Fuori dai centri abitati la multa è di 85 euro. Nei centri abitati è di 41 euro. In entrambi i casi è prevista anche l’intimazione a non proseguire il viaggio.
Ma attenzione: se si usano gomme con il codice di velocità sbagliato (può succedere andando in giro d’estate con le gomme invernali) ke sanzioni sono pesanti: da euro 422,00 a euro 1.697,00) a meno che gli pneumatici invernali (o i quattro stagioni) abbiano un codice di velocità uguale o superiore a quello indicato nella carta di circolazione.

Articolo precedente"Guardie infami, vi ammazzo": insulta i poliziotti e li aggredisce. Quattro agenti feriti
Prossimo articoloMuore nell'incidente perchè siede in braccio alla mamma: genitori condannati a 16 mesi

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.