Polizia locale, La Lega: “No ai rifugiati come agenti, idea folle e inaccettabile”

“Le forze dell’ordine devono garantire reciprocità e corrispondenza di diritti e doveri verso l’ente che le mette in campo. Una reciprocità che – secondo i leghisti – non può essere garantita da immigrati arrivati da poco tempo in Italia, che non hanno ancora la cittadinanza italiana, che godono di un permesso di soggiorno a tempo determinato e che, addirittura, non hanno nemmeno dimostrato di fuggire davvero da una guerra”.

Per questo Fabbri ha depositato una interrogazione in Regione per sapere “se i rifugiati possano effettivamente partecipare al concorso secondo la normativa che disciplina i criteri e i sistemi di selezione per l’accesso e per la formazione iniziale degli operatori di polizia locale” e “se il bando dell’Unione Reno Galliera sia conforme a questa direttiva, riguardo la possibilità di assumere a tempo determinato e indeterminato operatori di polizia locale attingendo, previo accordo predeterminato al momento dell’emissione del bando, dalle graduatorie degli idonei individuate dalle procedure di selezione di altri enti locali dell’Emilia-Romagna”.



Potrebbero interessarti anche