Condividi

Militari e forze dell’ordine ridotti alla fame da dieci anni di tagli: “Senza soldi, ci vestiamo con le divise di chi va in pensione”

Non solo migranti o incendi, l’emergenza italiana è quella delle forze di polizia e militari umiliati dallo Stato.

L’accusa arriva direttamente dagli agenti. “Non abbiamo mezzi, non abbiamo fondi per il vestiario, ci facciamo lasciare il materiale dai colleghi che vanno in pensione”

 

 

hanno spiegato i rappresentanti dei Cocer delle forze armate e i sindacalisti del comparto sicurezza, come riportato dal Giornale.

“Per l’emergenza incendi la scorsa estate  – spiega Marco Cicala, delegato dell’Aeronautica nel Cocer interforze – abbiamo visto quali sono state le difficoltà.

Abbiamo una forza armata tra le migliori al mondo, ma è innegabile che i mezzi manchino”.

Mancano i pezzi di ricambio degli aerei e delle navi, il personale lavora in condizioni precarie ma il governo “snobba” le rappresentanze militari.

 

 

Un esempio delle difficoltà dei militari italiani? “Veniamo pagati, per mesi e mesi di navigazione, appena 3 euro all’ora di straordinario”

I nostri uomini impegnati nell’emergenza migranti in Sicilia, sulle motovedette, fanno un super lavoro, recuperando tutti questi immigrati e non dico cosa succede a bordo.

Ricordo che poi si deve anche pulire, sistemare prima del recupero successivo e tutto per una cifra irrisoria”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMaxi operazione in campo nomadi: 370 agenti impiegati, sequestrate armi e mazze
Prossimo articoloIn Giappone il treno parte con 25 secondi di anticipo, l'azienda si scusa