Condividi

Grosseto – Clamoroso quanto accaduto nelle scorse ore a Orbetello, dove gli agenti della Polizia Locale hanno tratto in salvo… Un delfino! Quando si dice, aiutare tutti! Gli agenti municipali, come racconta il tirreno, hanno soccorso un delfino che era finito per spiaggiarsi alla Goletta della Giannella.

Gli uomini in divisa, prontamente allertati da alcuni turisti capitati in zona che avevano e compreso la difficoltà  dell’animale fermo sul bagnasciuga. E’ allora che tre agenti della Polizia Municipale, sono intervenuti salvandogli la vita, questo dopo numerosi tentativi. L’animale è infine riuscito a nuotare e tornare al  largo.

Non è certo il primo caso di animali spiaggiati, e non tutti finiscono bene. E’ di appena qualche settimana fa infatti la notizia di un capodoglio spiaggiato in Sardegna, a Porto Cervo, al quale tra l’altro sono stati trovati oltre 20 kg di spazzatura nello stomaco.

La notizia aveva fatto intristire e inorridire l’opinione pubblica anche per il fatto che con tutta probabilità era stata proprio quella quantità di oggetti di rifiuto ad uccidere l’animale, visto che sul suo corpo non sono stati trovati particolari segni che potessero far propender per una collisione

Il capodoglio spiaggiato in Sardegna

 

Appena qualche giorno dopo, a Taranto, sono stati salvati ben 50 avannotti: i piccoli di una verdesca che, rimasta imbrigliata in una rete da pesca, si era spiaggiata perdendo la vita. L’ambiguità in questo caso. L’ambiguità della vicenda in questo caso stava nel fatto che i cuccioli sono stati estratti direttamente dal corpo della madre.

Quasi come un chirurgo un pescatore che si trovava in zona ha aperto il ventre dell’animale e liberato i cuccioli in mare. Da notare che la Verdesca più arrivare anche oltre al centinaio di cuccioli

 

Un frame del video degli avannotti salvati a Taranto
Articolo precedenteVi piacerebbe poter adottare un cane poliziotto? Si può fare, ecco come chiederlo alla polizia
Prossimo articoloOspedale di Siracusa: crolla intonaco dal soffitto, feriti pazienti in stanza

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.