Polizia smaschera banda di rumeni dediti a rubare ai clienti di prostitute

Sul posto inoltre veniva sequestrato un proiettile caricato a salve, che in aggiunta all’assenza di ferite d’arma da fuoco sulla vittima, faceva ragionevolmente ritenere che l’arma comparsa sulla scena era certamente a salve. L’indagine dei Poliziotti si è infine conclusa con l’individuazione delle responsabilità singole ed associative, portando alla denuncia alla Procura della Repubblica di Fermo di I. M. K., di anni 30 , C. I. E. di anni 32, O. D. M. di anni 28, V. M. di anni 21, G. G. di anni 41, tutti di nazionalità rumena, e P. E. di origine campana di anni 32, tutti soggetti già noti alle forze di Polizia del territorio. Costoro dovranno rispondere di associazione per delinquere, concorso in rapina aggravata, lesioni personali , esplosioni in luogo pubblico e procurato allarme. La vicenda, che a causa della forte presenza nella zona di nutrite comunità sia rumene che sub-sahariane, rischiava di avere un ben diverso epilogo, è stata controllata con efficacia dagli Agenti del Commissariato di Fermo, anche quando dopo i fatti alcuni gruppi di cittadini di colore hanno raggiunto la zona con intenti di rivalsa. La Questura di Ascoli Piceno e Fermo, ha disposto una vigilanza assidua dell’area interessata da parte di autopattuglie delle forze di polizia.

Roma, 8 marzo 2016

fonte Polizia di Stato

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche