Poliziotto muore in servizio a Napoli, utente fb esulta: “ogni tanto una gioia”

Sostenitori.info / Un poliziotto è morto, nella giornata di ieri, durante il tentativo di sventare un furto ad un bancomat. E’ successo a Napoli, nella notte. Uno dei tanti servizi apparentemente normali di un lavoro che normale non è e che, poliziotti e carabinieri lo sanno bene, può portarti via dall’affetto dei cari in qualsiasi momento. Quando meno te lo aspetti. Un giorno come un altro.

L’ennesimo caduto in servizio tra le fila della Polizia di Stato si chiamava Pasquale Apicella, era in servizio al commissariato di secondigliano. In Polizia da neanche dieci anni, era un agente scelto, aveva prestato servizio a Milano e Roma prima di rientrare nella sua Napoli.

Aveva una moglie e due figli. Uno di sei, l’altro di pochi mesi. Uno dei tantissimi anonimi poliziotti che ogni giorno si svegliano e tentano di portare nelle strade quel poco di ordine che ancora ci è concesso.

LEGGI ANCHE: Poliziotto morto, utente esulta su Fb “Che bello uno sbirro in meno”

Come sempre in questi casi, come accade ogni volta, c’è però chi festeggia una notizia così tragica. Un caso è stato segnalato dal quotidiano sardo CastedduOnline, che ha pubblicato lo screenshot.

“Ogni tanto una gioia” avrebbe scritto una donna, pubblicando la foto volante della Polizia distrutta dopo lo scontro con quella dei rapinatori.  Proprio in quella volante è spirato Pasquale. 

La frase, spiega CastedduOnline “è messa a contorno della foto dell’automobile dei poliziotti che, a Napoli, si è scontrata con quella guidata da alcuni ladri. Nello schianto ha perso la vita un poliziotto”

LEGGI ANCHE: Carabiniere travolto e ucciso, orrendi insulti sul web: “devono mori tutti”

Interviene, proprio sulle pagine dello stesso sito, il Sindacato Autonomo di Polizia (Sap) di Cagliari: “Signora, avrei piacere di incontrarla per capire la radice del suo odio, per provare a capire il suo punto di vista di donna che esulta per la morte di un uomo impegnato a garantire sicurezza, anche la sua”, afferma il segretario Luca Agati. “Querelarla semplicemente mi sembra riduttivo, vorrei davvero andare oltre. Vorrei, guardandola negli occhi, chiederle cosa la spinge ad esprimere tanto abominio”.

LEGGI ANCHE: “Insulti al carabiniere ucciso, sequestrati pc e telefoni in casa della professoressa”

LEGGI ANCHE: “Anche per voi che ci odiate, noi ci saremo sempre”. Lo sfogo di un poliziotto
LEGGI ANCHE: Messina, drammatico incidente sulla A18: tre le vittime, fra di loro un poliziotto della stradale

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche