Condividi

Aveva 52 anni Angelo Pino, il poliziotto penitenziario ritrovato morto nella sua auto, ucciso per ora da mano ignota.

L’uomo, in congedo per motivi di salute e noto per aver girato per lavoro diversi penitenziari calabresi, è stato ritrovato a Lamezia Terme nella sua auto, senime, al posto di guida.

Sul fatto stanno indagando i Carabinieri che al momento sarebbero concentrati, come consueto in questi casi, sulla vita privata.

Per stabilire le prime ipotesi si sta cercando di capire se l’incontro con la persona che lo ha ucciso sia avvenuto casualmente o su appuntamento. L’omicida avrebbe utilizzato un’arma da fuoco sulla quale non sarebbero ancora emersi dettagli. L’assassino avrebbe sparato dall’esterno dell’automobile della vittima trovata infatti riversa, ma con il lato guida abbassato.

La circostanza avrebbe permesso all’assassino di infilare il braccio all’interno del veicolo e sparare a distanza ravvicinata. I bossoli sono stati trovati nell’abitacolo.

Seguiranno aggiornamenti

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteNovità fisco: in carcere gli evasori fiscali. L'ipotesi al vaglio. Ma c'è un equivoco (e molte polemiche)
Prossimo articoloUn rabdomiosarcoma gli porta via tutti i sogni, ma Federico vince la sua battaglia e diventa poliziotto per un giorno

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.