Coronavirus. Positivo al tampone va al supermercato: indagato per epidemia colposa

Violate le norme disposte per l’emergenza Coronavirus.

La Procura di Sciacca, guidata da Roberta Buzzolani, ha aperto una inchiesta per concorso colposo in epidemia e inosservanza di provvedimento dell’autorità a carico di un cittadino che avrebbe commesso una grave violazione delle normative disposte per far fronte all’emergenza Coronavirus.

Agrigento – L’inchiesta, spiega l’Ansa, su cui gli inquirenti non danno particolari, sarebbe nata dopo una denuncia e la magistratura ha avvisato del caso l’autorità sanitaria. Il reato di epidemia colposa nella forma aggravata è punito fino a 12 anni.

L’indagato, secondo quanto scrive il sito “Il Sicilia“, sarebbe stato individuato in un supermercato quando invece sarebbe dovuto trovare in isolamento domestico dopo essere risultato positivo al tampone per il coronavirus.