Condividi

“Tieni duro, Cesare. Con quella gente ci spazziamo il posteriore. Ti tireremo fuori. Solidarity forever!”. Si chiude così un lungo intervento che sta facendo il giro di Facebook per spiegare le ragioni di Cesare Battisti, l’ex terrorista catturato oggi in Bolivia dopo la recente fuga dal Brasile. Nel post ripreso in occasione dell’arresto dell’ex leader dei Pac si ricostruisce tutta la vicenda, mettendo in rilievo presunte incongruenze dei vari processi e si definisce Battisti “un uomo solo, spaventato e imprigionato, ogni tanto condannato e ogni tanto assolto”, che “si vede indicare, in Italia e nelle parti più marce del mondo, quale pericolo universale”.
Intanto, secondo quanto riferisce il quotidiano Folha de Sau Paulo, amici e sostenitori di Battisti in Brasile hanno avviato una mobilitazione su Internet perché la Bolivia gli conceda l’asilo politico. Fra loro vi è il sociologo Carlos Lungarzo, autore di un libro su Battisti e sostenitore della sua innocenza, che chiede di inviare mail all’ambasciata boliviana in favore dell’asilo. “E’ fondamentale tener conto, che se Battisti sarà riportato in Brasile o consegnato all’Italia, andrà incontro ad una morte orribile”, ha detto, citato dal quotidiano.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteLacrime, commozione e medaglia d'oro per Carmelo, l'agente di polizia locale morto in servizio durante le feste
Prossimo articoloCesare Battisti, l'indiscrezione: "è già in volo verso l'Italia"

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.