Primarie Pd, migranti in fila per votare: Renzi vince ma affluenza in calo

GENOVA. 30 APR. Seggi chiusi. Matteo Renzi si riprende il partito democratico. Quasi due milioni di elettori del “progetto politico” del Pd oggi sono andati al voto per le primarie, che hanno stabilito il nuovo segretario e i componenti dell’assemblea nazionale.

Urne aperte anche per i sedicenni ed i migranti, che hanno votato in tutta Italia . Si versava un obolo di due euro.

L’ex premier è un vincitore annunciato. I primi risultati, non definitivi, parlano di un consenso al 72%, seguito dallo spezzino e ministro della Giustizia Andrea Orlando al 20% e dal governatore pugliese Michele Emiliano all’8%.

In calo rispetto agli anni scorsi l’affluenza, che si attesta intorno ai due milioni di voti, contro i quasi tre milioni del 2013. In Liguria, più che un calo c’è stato un crollo perché oggi hanno votato in 47mila contro gli 81mila di quattro anni fa.

Matteo Renzi ha vinto anche nella nostra regione ottenendo il 64,4% dei consensi (Orlando il 34,4% ed Emiliano il 1,2%). A Genova, però, non si può senz’altro parlare di un grande trionfo perché Renzi ha ottenuto solo il 57,7% (Orlando il 43,3%).

Ecco gli altri dati definitivi. Savona: Renzi 5281, Orlando 1344, Emiliano 292. Imperia: Renzi 3047, Orlando 1076, Emiliano 205. Tigullio: Renzi 2479, Orlando 1177. La Spezia, città della renziana Raffaella Paita: Orlando vince con 2499 voti e Renzi si ferma a 2009 voti.

LiguriaNotizie

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche