Condividi

Lʼex vicepremier smentisce lʼincontro di venerdì e annuncia che anche la Lega scenderà in piazza a sostegno della senatrice, lo riporta tgcom24. Poi precisa: “Chi parla di fascismo e comunismo è un nostalgico”

“A me è appena arrivato un altro proiettile e non piango. In un Paese civile non dovremmo rischiare né io né la Segre”. Lo ha affermato Matteo Salvini. Il leader della Lega ha poi smentito il colloquio di venerdì a Milano con la senatrice a vita. “L’incontro con la Segre l’avrò più avanti – ha detto l’ex ministro dell’Interno -. Avverrà presto”.

Anche la Lega in piazza a sostegno della Segre

“Sì. Quando c’è qualcosa di democratico che riguarda il futuro lo sosteniamo”. Così Salvini ha annunciato che anche la Lega scenderà in piazza a sostegno della senatrice Segre nella manifestazione dei sindaci del 10 dicembre a Milano.

“Chi parla di fascismo e comunismo è un nostalgico”

“Il dibattito tra fascismo e comunismo che sono sepolti dal passato, non mi appassiona”, ha aggiunto l’ex vicepremier, precisando che “oggi commemoriamo la caduta del Muro di Berlino, la fine di qualsiasi dittatura, fascista e comunista. Chi parla di fascismo e comunissimo nel 2019 è un nostalgico”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteEsplosione cascina di Quargnento, confessa il proprietario: l'attentato per frodare l'assicurazione
Prossimo articoloIraq, attentato esplosivo contro militari italiani: 5 feriti, 3 sono gravi

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.