Condividi

Pugni e calci alla fidanzata incinta di due mesi. Lei si ribella e lo accoltella

Lite tra conviventi finisce con l’accoltellamento dell’uomo. E’ accaduto stanotte a Mestre.

La coppia ha iniziato a litigare intorno alle 20, l’uomo si è allontanato di casa mentre la donna, un’italiana di anni 30, al secondo mese di gravidanza ed in cura presso il Centro di Salute Mentale di Mestre, in stato di agitazione, era stata raggiunta dalla madre per ricevere conforto.

Verso mezzanotte si è ripresentato il fidanzato che, dopo averla aggredita verbalmente, è passato alle vie di fatto, colpendola violentemente con calci e pugni.

Nel corso della colluttazione, per difendersi, la donna avrebbe afferrato un coltello da cucina ferendolo alla schiena. Nel contempo la madre, è riuscita a chiamare i soccorsi.

 

 

Giunti nell’appartamento gli agenti hanno trovato la cucina a soqquadro e numerosi elementi che hanno consentito di ricostruire la dinamica dei fatti.

Sul luogo è intervenuto personale della Polizia Scientifica per i rilievi del caso.

I due conviventi sono stati trattenuti per le cure presso l’ospedale: la donna in osservazione, mentre l’uomo – con precedenti per reati contro il patrimonio, la persona e la pubblica amministrazione – per le ferite riportate, è stato ricoverato in prognosi riservata.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteFirenze: "bandiera nazista" era solo gossip. Così l'Arma assolve il militare
Prossimo articoloPerde il lavoro e la casa, Alessandro ora vive in auto con i tre figli: "Aiutateci, hanno fame"