Condividi

Ancora coltelli contro i Carabinieri, è successo nel trapanese dove un cinquantenne, durante un controllo, ha minacciato uno dei militari con un coltello al petto.

Trapani – L’uomo, cinquantenne tunisino, si trovava alla stazionedi Alcamo quando è stato fermato dai militar. Secondo quanto riportato dal Giornale, alla richiesta dei documenti avrebbe fin da subito ha cominciato a esitare, apparendo anche nervoso.

Il motivo è presto detto, da una prima verifica l’uomo è risultato non regolare su suolo italiano e con precedenti per reati di droga. Inoltre aveva già avuto tre procedimenti di espulsione, quindi mai eseguite.

Quando i Carabinieri gli hanno chiesto di seguirlo, l’uomo ha estratto l’arma: un coltello a serramanico. Lo ha puntato contro il petto di un appuntato, minacciando di morte i due carabinieri.

In quegli attimi di grande tensione i militari hanno tentato di fare ragionare e far tornare alla calma il tunisino che a quel punto ha cercato di scappare per le campagne inseguito dai due carabinieri e dalle pattuglie in zona avvertite dell’emergenza in corso.

Il nucleo operativo della compagnia di Alcamo lo ha raggiunto e catturato dopo qualche minuto in contrada Coda di Volpe con l’arma ancora con sé.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAncora una brutta aggressione: un poliziotto e una gpg presi a bottigliate, feriti in pronto soccorso
Prossimo articoloEcco la foto del coltello originale che l'americano ha usato contro Mario: una lama lunga 18 centimetri