Qualche lieve miglioramento per Massimo Piras: “Respira da solo e sembra riconoscere la voce dei familiari”

Qualche lieve miglioramento per il carabiniere di Macomer: “Respira da solo e sembra riconoscere la voce dei familiari”

Non è uscito ancora dal coma ma i medici sono ottimisti verso le condizioni di Massimo Piras, 50 anni, maresciallo maggiore dei carabinieri e comandante del nucleo radiomobile di Borgo Panigale, ricoverato da giorni in gravi condizioni dopo essere rimasto gravemente ferito in seguito ad un incidente con il paracadute.

Piras è ricoverato all’ospedale Maggiore di Bologna dove è stato sottoposto a delicati interventi chirurgici, non si è svegliato dal coma e per questo i medici non hanno ancora sciolto la prognosi.

LEGGI ANCHE: Massimo Piras, il Carabiniere eroe dell’esplosione trasportato d’urgenza in ospedale

“Nonostante non sia in pericolo di vita, la situazione clinica resta grave, perché nella caduta ha riportato diverse fratture alle gambe. Sono state interessate anche delle vertebre e, nonostante la risonanza escluda lesioni al midollo spinale, i medici per avere certezze aspettano che l’uomo si risvegli dal coma” si legge su L’Unione Sarda