Condividi

Forte scossa del 4.8, rivista in tarda mattinata dall’Ingv a 4,6, nel Catanese e avvertita tra Messina e Ragusa bella notte.

L’allarma si diffonde via social e notte in strada per migoiaia di siciliani.

La conferma che la scossa è figlia di uno sciame che nei giorni scorsi aveva fatto tremare lo Stretto e risvegliato la memoria del grande sisma del 1908. Sono una quarantina i feriti in ospedale.

La scossa ha provocato il crollo di cornicioni, nella chiesa di Santa Maria di Licodia e a Palazzo Ardizzone, ex sede del municipio,

Leggi anche:  Terremoto nella notte: magnitudo 4.4. Scossa avvertita chiaramente, allarme sui social

e di antiche case rurali ma non, secondo i primi accertamenti dei vigili del fuoco, crolli di edifici.

Adrano e Biancavilla i paesi maggiormente interessati, dove si registrano dei cedimenti di cornicioni.

Il post su Facebook . “La scossa di terremoto avvertita attorno alle 2.30 ha toccato tutti noi.

Non facciamoci prendere dal panico: a chi si trova fuori di casa, diciamo di evitare di restare in prossimità di balconi e, dunque, di abitazioni. Evitate soprattutto di girare per strada con le automobili”.

Leggi anche:  Terremoto, nuova scossa in Molise: gente in strada, oltre 200 eventi da metà agosto

Lo scrive su Facebook Antonio Bonanno, sindaco di Biancavilla, uno dei comuni in provincia di Catania più colpiti dal terremoto di questa notte.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMarsiglia, blitz nella sede dell'Ong Sos Mediterranée: "Complice degli scafisti"
Prossimo articoloCarcere, acqua non potabile: 1500 bottiglie d’acqua per i detenuti ma si dimenticano dei poliziotti penitenziari

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.