Condividi

Varese, ragazza di 20 anni scompare: “Portata via da due africani”

Secondo quanto riferito dal fidanzato, la ragazza sarebbe stata portata via da due spacciatori nordafricani. Aperto fascicolo per sequestro di persona

Vent’anni, occhi blu, sabato è uscita di casa insieme al suo convivente, di 41 anni, e non è più tornata a casa dopo essere stata “misteriosamente rapita” nei boschi di Marnate (Varese) da due pusher, come avrebbe raccontato ai carabinieri il suo fidanzato. È giallo sulla scomparsa di Dafne Di Scipio, nata a Busto Arsizio (Varese), residente a Gallarate, sul cui presunto rapimento la procura ha aperto un fascicolo contro ignoti.

La giovane è svanita nel nulla nella serata del 14 ottobre, dopo essere uscita in auto con il convivente, Matteo Alessandro Brambilla. I due sarebbero poi andati insieme in un’area boschiva a Marnate, conosciuta come zona di spaccio. Stando a quanto dichiarato dal 41enne ai carabinieri di Saronno e del Nucleo Investigativo di Varese, arrivati “alla sbarra” (come è soprannominata la zona), Dafne sarebbe scesa dall’auto da sola e sarebbe entrata nel bosco

Sentendola urlare,


il 41enne sarebbe sceso dalla macchina per soccorrerla, assistendo al rapimento: almeno due cittadini stranieri, presumibilmente spacciatori, l’avrebbero trascinata via e, nel tentativo di fermarli, l’uomo sarebbe stato aggredito e abbandonato a terra. Quindi, impugnando un cartello per le indicazioni del sentiero del bosco sradicato da terra, il 41enne – poi sentito in caserma – sarebbe tornato sulla strada per chiedere aiuto ai passanti.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, a quel punto Brambilla avrebbe visto

la propria auto avvolta dalle fiamme e nell’incendio – non si sa al momento scaturito da che cosa – la vettura è andata completamente distrutta. Sul posto sono intervenuti carabinieri e vigili del fuoco.

A poca distanza dalla “sbarra”, gli investigatori hanno rinvenuto il telefono cellulare usato dalla giovane e la cui scheda è intestata al compagno, le chiavi della macchina e un cappellino da baseball che non è stato chiarito a chi appartenga.

REPUBBLICA.IT

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePiù sicurezza per i bimbi in auto: la nuova normativa sui seggiolini
Prossimo articoloFoggia: i Carabinieri trovano a Vieste un quintale e mezzo di marijuana