Condividi

Prosegue senza sosta la lotta ai reati predatori e allo spaccio di sostanze stupefacenti da parte dei Carabinieri: nella notte tra domenica e lunedì a Ravenna sono state arrestate due persone per spaccio e detenzione di stupefacente .

Nella tarda serata di domenica, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile durante i controlli su strada hanno individuato un piccolo van con a bordo due persone, un italiano e un nord africano, che a detta degli inquirenti destavano molto sospetto. I Carabinieri, dopo un prolungato pedinamento in diversi luoghi della movida del capoluogo dove hanno registrato contatti tra i due e giovani assuntori di stupefacenti, hanno sorpreso il 32 enne tunisino, con precedenti in materia di stupefacenti, defilarsi in un’area verde di via circonvallazione San Gaetanino e prelevare qualcosa in prossimità di un aiuola.

L’INTERVENTO

Gli investigatori hanno quindi deciso di intervenire, recuperando così dosi di cocaina e denaro ritenuto frutto dell’attività illecita. L’uomo, prima di essere bloccato, avrebbe anche spintonato i militari dando vita a una breve colluttazione. Il complice, un 45enne italiano già conosciuto dalle forze di polizia che faceva da autista, avrebbe tentato di investire i militari, prima di essere fermato a sua volta. I due sono stati arrestati per detenzione e spaccio di stupefacenti, nonché resistenza a pubblico ufficiale. Lunedì mattina, con l’udienza direttissima, il Giudice del Tribunale di Ravenna ha imposto la custodia in carcere per il tunisino e i domiciliari per il ravennate, in attesa della prossima udienza.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteBologna, botte ed insulti ai bambini stranieri: scattano i domiciliari per una maestra 55enne
Prossimo articoloRoma, arrestato l'immobiliarista degli hotel di lusso Statuto