Condividi

Vincere al gioco può far perdere il reddito o la pensione di cittadinanza. Con una novità introdotta durante l’esame alla Camera è ora previsto che “la perdita dei requisiti si verifica anche nel caso di acquisizioni di somme” sopra gli importi previsti “a seguito di donazione, successione o vincite”. L’importo è di 6mila euro e sale di 2mila euro per ogni componente della famiglia, fino a un massimo di 10mila euro. Il superamento della soglia deve essere comunicato entro 15 giorni.

La novità era già nella logica del provvedimento ma durante il passaggio alla Camera è stata introdotta un’ulteriore formulazione che precisa chiaramente come non si possa superare la soglia anche nel caso in cui questi denari siano stati regalati, ereditati o vinti al gioco.

Ovviamente il meccanismo scatta anche se la vincita è minore ma, sommandola a quanto già si possiede, si superano le soglie previste per i requisiti patrimoniali. Questi sono articolati a seconda delle tipologie di famiglia. Così se il valore base da non superare è di 6.000 euro, è previsto un incremento di 2.000 euro per ogni familiare successivo al primo, fino a un massimo di 10.000 euro. Ci sono poi ulteriori incrementi dal terzo figlio in poi e per eventuali familiari con disabilità. Dal terzo figlio la somma si incrementa di 1.000 euro mentre per ogni disabile di 5.000 euro.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteSi chiama Ramy Shehata, l'eroe ragazzino del bus: "da grande farò il Carabiniere"
Prossimo articoloBus dirottato, i pm: "Sy Ousseynou stia in carcere, potrebbe colpire ancora"

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.