Condividi

Nuovi emendamenti in commissione bilancio al Senato per stanare i possibili “furbetti”, le illustra il sito del tgcom24. La Lega prova a rendere ancora più dure le sanzioni per i furbetti del Reddito di Cittadinanza. Con un emendamento al decretone approvato dalla commissione Lavoro del Senato, si chiede l’estensione delle maxi sanzioni anche a chi viene trovato a lavorare in nero. Via libera anche alla modifica che estende la decadenza del reddito al nucleo dove ci sia un lavoratore co.co.co per il quale non siano state inviate le comunicazioni obbligatorie.

L’emendamento al decretone su reddito e quota 100 estende l’aumento del 20% delle sanzioni per il lavoro sommerso, previsto per chi impiega stranieri ireegolari o minori in età non lavorativa, anche a chi impiega percettori di Reddito di Cittadinanza. Un altro emendamento approvato estende anche ai co.co.co., oltre che ai dipendenti e agli autonomi, la revoca del reddito di cittadinanza in caso di mancata comunicazione dell’avvio dell’attività lavorativa ai centri per l’impiego.

Ci sarà poi più tempo per gli stessi centri per l’impiego e per i comuni per segnalare le violazioni del patti per il lavoro e l’inclusione da parte di un percettore. Un emendamento del relatore estende il termine per la comunicazione all’Inps da cinque a 10 giorni.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteSpaccio di droga, sgominata una banda: erano richiedenti asilo
Prossimo articoloGenova, arrivano gli alloggi pubblici per 'padri separati': "canone moderato in diversi quartieri della città"