Condividi

regeni-manifesto-orig_mainUn dirigente della polizia egiziana che sta indagando sulla morte del ricercatore italiano Giulio Regeni è stato condannato in passato nell’ambito di un’inchiesta sulla tortura e la morte di un detenuto, secondo fonti giudiziarie e della sicurezza e documenti di tribunale visionati da Reuters.

(reuters) Il 28enne Regeni è scomparso il 25 gennaio, nel quinto anniversario della rivolta del 2011 che ha posto fine al regime trentennale del presidente Hosni Mubarak. Il suo corpo è stato ritrovato sul bordo dell’autostrada che collega Il Cairo e Alessandria il 3 febbraio. Secondo gli anatomopatologi e i magistrati egiziani Regeni è stato torturato e ucciso con un oggetto affilato che lo ha colpito alla testa.

Khaled Shalaby, attuale capo della polizia giudiziaria a Giza e uno degli investigatori nel caso Regeni, è stato accusato nel 2000 insieme ad altre tre persone della tortura e dell’omicidio di un detenuto in una stazione della polizia di Alessandria, secondo fonti gidiziarie e della sicurezza e alcuni documenti.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteIraq, 500 militari italiani per difendere la diga di Mosul
Prossimo articoloBoldrini "Niente soldi ai Paesi Ue che non accolgono migranti"