Condividi

Il Carabinieri del Comando Provinciale di Arezzo, con l’ausilio delle unità cinofile di Firenze, hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti,

otto cittadini extracomunitari richiedenti asilo e dimoranti nel capoluogo, di età compresa tra i 21 e i 30 anni, di nazionalità nigeriana. Lo riporta La Nazione

L’indagine condotta dai militari del Nucleo Investigativo, ha avuto come punto di partenza la rissa scoppiata domenica 14 agosto

2017 intorno alle ore 20.30 a Campo di Marte che ha visto coinvolti extracomunitari di etnia nigeriana e gambiana.

All’origine del violento tafferuglio un regolamento di conti relativo alla spartizione del mercato dello spaccio in Arezzo.

(..) I ruoli svolti da ciascuno degli indagati sono stati compiutamente accertati dai carabinieri del Nucleo Investigativo:

alcuni dei prevenuti svolgevano la funzione di esecutori materiali delle cessioni e di agenti riscossori,

altri quella di incaricati dei contatti telefonici, di organizzatori degli abboccamenti e ricettori degli ordinativi,

altri ancora cumulavano entrambi i ruoli occupandosi anche dell’attività di coordinamento dello spaccio al minuto.

In particolare lo svolgimento dell’attività illecita prevedeva l’attivazione dietro richiesta telefonica del cessionario,

l’accordo con lo spacciatore sull’incontro e sulla quantità di droga da vendere o cedere,

ulteriore contatto di conferma, coordinamento con l’esecutore materiale della cessione.

Materiale e sostanze per il “taglio” dello stupefacente erano sistematicamente approvvigionate sul web.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteFa l'idromassaggio nudo con altre donne: la fidanzata lo uccide a coltellate
Prossimo articolo8 euro per la bottiglia d'acqua firmata da Chiara Ferragni: sui social è rivolta