Condividi

Hanno alle loro spalle famiglie problematiche i tre minorenni arrestati insieme al 20enne congolese Guerlin Butungu per l’aggressione e lo stupro nei confronti di una turista polacca in vacanza a Rimini con un amico. La reazione dei genitori all’arresto dei loro figli, però, ha generato pareri discordanti anche all’interno delle stesse famiglie. I genitori dei due fratelli marocchini di 17 e 15 anni arrestati, infatti, sono enormemente dispiaciuti: «Vorremmo avere davanti quella ragazza per chiederle scusa. Hanno sbagliato, una simile violenza è inacettabile e devono pagare». Non si può dire altrettanto della madre del 16enne nigeriano, che come riporta il Corriere della Sera difende suo figlio.

«Ha solo 16 anni, non è un violento, non può avere compiuto una cosa simile. Il giorno dopo era tranquillo con me a fare la spesa» – dichiara la donna, che ha anche una figlia di 13 anni e altri due bambini – «Quando i poliziotti me l’hanno portato via ridevo e dicevo: “Ma è solo un ragazzino, non può averlo fatto”. Noi lo avremmo viziato per avergli comprato l’iPhone? Sentivamo che glielo dovevamo e lo abbiamo comprato coi nostri risparmi. Non so se ha sbagliato, ma resta sempre mio figlio e non posso ammazzarlo». Lo riporta anche l’Huffington Post.

Di diverso avviso il padre del ragazzo, che si sfoga così: «Lo hanno rovinato certe cattive compagnie, l’avevo anche picchiato due o tre volte per impedirgli di frequentare quella gente». In carcere, l’uomo si sarebbe rivolto così al figlio: «Ma ti rendi conto in che casino ti sei messo? Avete fatto una cosa sporca voi quattro, tu hai anche una sorella, pensa se qualcuno facesse del male a lei”

LEGGO

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteProva a stuprarla sotto casa: donna salvata da due passanti
Prossimo articoloSan Giorgio Canavese, Maresciallo dei Carabinieri si spara con l'arma di servizio