Condividi

È senza una gamba, ma l’Inps chiede verifica di controllo e deve pagare tutto da solo

Ha perso una gamba, o meglio, gliel’hanno amputata.

E’ comprensibilmente furioso Rino, un anziano di 86 anni.
Lo scorso anno gli è stata amputata una gamba e l’Inps ha chiesto verifica di controllo.

Costretto a letto, stanco e malato, Rino ha diritto alla pensione di invalidità
Ma non solo, gli è più che dovuta.

La sua rabbia diventa tale quando per il controllo gli viene chiesto di presentarsi fisicamente alla sede dell’ente il tutto in pieno inverno.

Ma non finisce qui: per arrivarci, si comprende, ha dovuto chiamare in ausilio l’ambulanza all’andata e al ritorno ed indovinate… Ha dovuto pagare tutto lui.

Assurdo. I nipoti sono esterrefatti: “Pensavano che fosse cambiato qualcosa?”

 

“Io sono molto arrabbiato, invece di venire a casa sono dovuto andare io a Mestre all’Inps. Sono un invalido vero io – dice Rino – non ho mai truffato nessuno”.

La trasmissione Mattino 5 ha dato spazio alla sua storia: Rino purtroppo è stato anche ricoverato subito dopo il controllo per problemi di salute.

Ora, come, come riporta IlGiornale – il rischio è che la commissione di 7 medici che dovrà valutare il suo caso possa anche decidere di togliergli la pensione da 500 euro per l’invalidità.

Lui non vuole essere paragonato ad uno di quei furbetti finti disabili spesso scovati a truffare l’Ente.

“Sono un invalido vero io – dice Rino – non ho mai truffato nessuno”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAccusa malore e chiede aiuto, carabinieri entrano dalla finestra e salvano anziana
Prossimo articoloDopo i Carabinieri, la Polizia: attentato con bomba molotov contro il commissariato