Condividi

Truffa Postepay: rischio conto azzerato, pericolo WhatsApp per clienti Vodafone, Tim, Tre e Wind. Gli utenti Postepay – la carta di credito prepagata dai costi ridotti, dunque molto diffusa – rischiano di rimanere vittime di truffe che svuotano il conto in un nulla.

Questa truffa, l’ultima in ordine di tempo nella serie che colpisce i possessori della carta Postepay, attiene al metodo del Phishing, termine inglese che significa “pescare”. Indica la tecnica usata di gettare una rete, tramite finte comunicazioni ufficiali, e pescare i dati sensibili e i codici di accesso dei malcapitati che sono rimasto impigliati in essa.

Spiega bene tutto quanto il sito INVESTIRE OGGI

Come funziona la nuova truffa Postepay su WhatsApp e SMS per clienti Vodafone, Tim, Tre e Wind
Spieghiamo immediatamente come funziona questo tentativo di phishing. Innanzitutto, l’utente riceve questo messaggio:

‘Gentile cliente, se non visualizzi correttamente il messaggio segui il link https://bit.ly/2GSEr2y’, si tratta di un modo ‘studiato’ per attrarre l’attenzione e far ritenere che il messaggio sia importante; dopo aver cliccato sul link, si viene reindirizzati a una finta pagina web delle Poste Italiane (http://login.portaletitolari.com/accesso-titolari),
si tratta di un portale fake che tenta di riprodurre quanto più possibile la grafica e le icone del sito originale; nella pagina in questione, viene chiesto di inserire i propri codici di accesso con una scusa spesso convincente (del tipo che la carta è stata bloccata per motivi di sicurezza e va sbloccata);

Leggi anche:  Uno squillo che svuota il credito telefonico: non chiamate o rispondete mai a questi numeri

una volta inseriti i propri dati d’accesso, la truffa Postepay è fatta: gli hacker hanno i vostri codici e possono serenamente svuotare il conto.

Da quanto ne sappiamo, questa truffa Postepay sembra circolare prevalentemente su SMS: non si hanno segnalazioni del messaggio su WhatsApp. Qual è il motivo? Perché i pirati informatici utilizzano un vecchio modo di comunicazione come gli SMS e non le più evolute chat?

Una possibile spiegazione è la seguente: gli utenti più giovani – quelli che utilizzano WhatsApp – sono genericamente anche più smaliziati e informati e difficilmente ‘abboccano all’amo’ di questo ennesimo phishing; nel mirino dei pirati informatici, ci sarebbe una specifica categoria di persone, quelle più attempate e che seguono meno le vicende del web e, dunque, sono meno informati e possono più facilmente ‘abboccare’.

Leggi anche:  "La Polizia avverte: attenti alla truffa dello specchietto". Diverse segnalazioni

Il nostro consiglio, allora, è il seguente: far circolare quanto più possibile questa informazione sulla truffa Postepay anche tra genitori e nonni o fra tutte le persone che conosciamo, anche giovani,

ma che hanno poca dimestichezza con gli strumenti informatici. Per perdere tutto quello che abbiamo sulla Postepay, basta fare due click: dunque, massima attenzione!

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"Non è diritto di critica: chi brucia il tricolore va condannato". Condannati due giovani che avevano protestato
Prossimo articoloChiedevano soldi per far passare i furgoni: arrestati militari di Strade Sicure

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.