Condividi

ROMA – E’ avvenuta nella giornata di ieri la visita del premier Giuseppe Conte a Pratica di Mare. Il presidente del Consiglio ha infatti visitato l’aeroporto con la finalità di partecipare all’evento “Duplice uso sistemico: impiego innovativo delle Forze Armate al servizio del Paese” organizzato dallo Stato Maggiore della Difesa italiana.

Mar Tirreno, terremoto e allarme tsunami – Un allarme sul litorale romano, addirittura uno tsunami. Poi l’attivazione di una Joint task Force. Ma è semplicemente un’esercitazione simulata nel corso dell’evento. Attraverso questa iniziativa dimostrativa, gli studenti presenti facenti parte le scuole romane hanno potuto ammirare le capacità con Esercito, Marina, Aeronautica e Arma dei Carabinieri possono supportare i nuclei di Protezione Civile in caso di emergenze COME EVENTI SISMICI, MALTEMPO, FINO AL TERRORISMO.

Inoltre, partendo dall’analisi della situazione attuale, che vede la minaccia convenzionale affiancata da quella non convenzionale – cioè minacce cyber, economiche, climatiche per finire alle fake news – il ministro Elisabetta Trenta ha spiegato quanto mai sia attuale un vero e proprio approccio di sistema, coordinato a tutela della cittadinanza, pe la loro sicurezza. Ha detto il ministro nel suo intervento: “oggi siamo di fronte ad una minaccia ibrida, che dobbiamo affrontare applicando un concetto di resilienza omnicomprensivo”

In parole povere, è in previsione è approccio che dovrebbe dare l’opportunità alla difesa di integrarsi con tutte le realtà che si occupano di sicurezza a 360° nell’interesse della collettività.

Ma, secondo le intenzioni del piano di studi, non dovrebbero presentarsi sovrapposizioni, che è uno dei temi centrali. Ha detto infatti il ministro, ricordando l’esempio di Strade Sicure: “Nessuna sovrapposizione, ma una azione che veda il cittadino tutelato in tutti gli ambiti

A margine, sui giornali ha fatto molto scalpore una tenera immagine diffusa sui social (instagram, prevalentemente) dallo stesso premier, un abbraccio tra Giuseppe Conte e il cane Zagor, un k9, ovvero un ‘agente’ a 4 zampe in forza all‘Arma dei Carabinieri: “Con Zagor – ha scritto il ptremie – amico a quattro zampe in forza ai nostri Carabinieri”. In un tweet invbece lo si vede sollevare il cane e scherzare con i Carabinieri e i militari presenti all’interno dell’aeroporto militare di Pratica di Mare.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteViolentata in pieno giorno mentre torna da scuola: fermati e rilasciati due uomini
Prossimo articoloArma dei Carabinieri: Angelo Panarelli non ce l'ha fatta. Il dolore dei colleghi corre sul web

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.